Riduzione dell’assegno di mantenimento se il coniuge paga il mutuo della casa assegnata alla moglie

I giudici della Suprema Corte con la sentenza del 25 giugno scorso hanno stabilito che fino a quando c’è il mutuo da pagare, la misura dell’assegno di mantenimento riconosciuta all’altro coniuge può essere ridotta. Gli Ermellini, infatti hanno riconosciuto che “è legittima la decurtazione dell’assegno di mantenimento” per il fatto che “il coniuge cui spetta l’obbligo dell’assegno “sta pagando per … Continua a leggere

Regime patrimoniale dei coniugi – Acquisto in regime di comunione mediante denaro proprio

Con sentenza n. 10855 dello scorso 5 maggio i giudici della Suprema Corte hanno stabilito che nel caso di acquisto di un bene,  in vigenza di un  regime di comunione legale  tra i coniugi, attraverso l’utilizzo di altro bene, di cui sia certa l’appartenenza al coniuge acquirente prima del matrimonio, l’acquisto dovrà ritenersi escluso dalla comunione legale e di natura … Continua a leggere

La pronuncia sul divorzio può “sorpassare” quella sul mantenimento

da ItaliaOggi Sì alla sentenza di divorzio prima della decisione definitiva sul mantenimento. La Cassazione accelera le cause di divorzio. Infatti, per impedire che problemi e ritorsioni fra ex rallentino il procedimento va considerata valida la pronuncia di divorzio anche se il giudice non ha deciso sul mantenimento, confermando intanto l’assegno fissato provvisoriamente con la separazione. Lo ha stabilito la … Continua a leggere

L’affido condiviso alla ricerca del riordino

da il Sole24Ore Parte la riforma dell’affido condiviso. Oggi la commissione Giustizia del Senato inizierà la discussione sul disegno di legge che interviene a modificare alcuni aspetti della disciplina approvata nel 2006. Il provvedimento ha come obiettivo quello di eliminare i problemi più rilevanti emersi in questi primi anni. Tra questi, quella che la relazione al testo qualifica come «la … Continua a leggere

Assegno di mantenimento al figlio anche se usufruisce di borsa di studio

da ItaliaOggi I figli che si mantengono, anche all’estero, con delle borse di studio hanno comunque diritto all’assegno di mantenimento da parte dei genitori. Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 8954 del 14 aprile 2010, ha respinto il ricorso di un padre condannato a versare alla ex due assegni, uno per lei e l’altro … Continua a leggere

L’ex non affidatario non può contestare le spese straordinarie per i figli.

In regime di affidamento esclusivo, il genitore non affidatario non può contestare le decisioni dell’ex sulle spese straordinarie ed è  obbligato alla contribuzione  delle stesse per i figli minori anche quanto non siano state concordate con l’altro coniuge. Al fine di evitare l’arbitraria scelta di tale spese da parte dell’affidatario, può fare domanda di affidamento congiunto per partecipare quindi a … Continua a leggere

La ex in difficoltà va sostenuta

da ItaliaOggi Ha diritto all’assegno di mantenimento dall’ex la casalinga di mezza età che soffre di depressione. È quanto si evince dalla sentenza della Corte di cassazione n. 4758 del 26 febbraio 2010, con la quale la prima sezione civile ha respinto il ricorso di un uomo che doveva versare un mantenimento di 700 euro al mese in favore della … Continua a leggere

Figli, no alle strumentalizzazioni

da ItaliaOggi Legittima l’espulsione del genitore clandestino anche se i figli vanno ancora a scuola in Italia. Insomma deve lasciare il paese, se non ci sono eventi o necessità eccezionali del bambino, accudito dall’altro genitore munito di permesso di soggiorno. Lo ha ribadito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 5856 del 10 marzo 2010, ha confermato l’espulsione … Continua a leggere

Assegno al figlio non convivente

da il Sole24Ore Il figlio vive fuori casa, sia pure saltuariamente? Non importa: il padre separato deve continuare a corrispondergli l’assegno di mantenimento. E a lasciare alla ex moglie la casa di proprietà. Lo sottolinea la Corte di cassazione con la sentenza 6861 della prima sezione civile depositata il 22 marzo: un’altra pronuncia destinata a fare discutere, ma in coerenza … Continua a leggere

Separazione e scioglimento della comunione legale

È ammissibile la domanda di scioglimento della comunione che può essere proposta anche in pendenza della causa di separazione tra i coniugi. Tuttavia lo scioglimento è effettivo dopo il passaggio in giudicato della sentenza di separazione. Così la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 4757, ha accolto il ricorso di un uomo che, durante la causa di separazione aveva … Continua a leggere